Olympia news

Avanti

IMPARARE A BALLARE SOTTO LA PIOGGIA

Pubblicato il 16-11-2020

E’ un momento drammatico per l’Italia e il mondo intero. Dopo l’illusione estiva, l’emergenza sanitaria è riesplosa in modo incontrollato, riempiendo gli ospedali e mettendo in crisi la nostra vita al punto da far materializzare nuovamente lo spettro delle restrizioni alla nostra libertà.
Anche lo sport, che della nostra vita è parte integrante, ne ha risentito in modo pesantissimo. Tantissime società si sono viste private degli spazi per potersi allenare, e tutte le altre hanno comunque dovuto mettere in atto rigidi e onerosi protocolli per provare a mettere in sicurezza le loro attività, con risorse economiche ridotte al lumicino a causa della crisi economica. Come se non bastasse, l’aumento della circolazione del virus ha causato il rinvio dell’inizio dei campionati a data da destinarsi e il blocco dell’attività sportiva delle divisioni provinciali e della serie D regionale, costringendo di fatto molti sodalizi a chiudere i battenti almeno per il momento, e inducendo molti altri a fare altrettanto. Non sono scampati a questa situazione neanche i miniatleti del VolleyS3, che non possono più giocare e divertirsi in palestra.
In uno scenario del genere, sarebbe facile gettare la spugna e arrendersi agli eventi, con l’amara consapevolezza che chiudere adesso potrebbe voler dire non riaprire più. Anni di sacrifici e di radicamento sul territorio potrebbero andare in fumo, privando una generazione di giovani atlete di un presidio per la loro crescita, e facendo mancare a tutte le loro famiglie un valido aiuto per aiutarle nella formazione dei propri figli.
E’ proprio per scongiurare questo che Olympia Volley non si ferma, e continua la sua attività. Non è per incoscienza o per sottovalutazione del rischio che abbiamo fatto questa scelta, né tantomeno perché siamo come un bambino che si mette a piangere perché gli viene portato via il giocattolo.
Abbiamo profondo rispetto per chi ha deciso di non proseguire, così come abbiamo massima comprensione per tutte le nostre atlete che hanno deciso di fermarsi, per paura del contagio o per tutelare i propri cari particolarmente esposti al rischio di prendere il virus in forma grave.
Allo stesso modo, siamo profondamente vicini a tutte le società che pur volendo continuare l’attività non possono farlo perché non hanno ancora avuto la palestra a disposizione. Ci rendiamo bene conto del privilegio che abbiamo avuto nel poter fare sin dall’inizio attività dentro la nostra casa, e della fortuna di poter interloquire con istituzioni sensibili che hanno appoggiato la nostra causa, il Comune, la Provincia e l’Istituto Duca degli Abruzzi, in particolare la Preside, il gruppo docenti e il Consiglio d’Istituto.
Fortuna, ma non solo. Abbiamo elaborato un protocollo ancora più stringente di quello federale, e abbiamo fatto un investimento importante in termini di risorse economiche e umane per mettere a norma e sanificare gli spazi in modo da poter continuare l’attività nella massima sicurezza possibile. Siamo stati a regime finché le norme lo hanno consentito, e dopo l’ultimo Dpcm abbiamo sospeso gli allenamenti congiunti e ridotto gli allenamenti delle squadre autorizzate ad andare avanti, limitando così gli spostamenti ed evitando l’incrocio tra i gruppi squadra, ma garantendo a tutti la possibilità di allenarsi. Grazie alla disponibilità del nostro staff, abbiamo ripreso l’attività del VolleyS3, all’aperto e in forma individuale come da ultimo Dpcm, finchè la luce solare lo consente, per poter dare la possibilità ai nostri miniatleti di poter giocare e divertirsi.
Sappiamo bene che non siamo più bravi degli altri. Siamo ben consapevoli che tutto questo non ci mette al sicuro, che il rischio zero non esiste, e che la responsabilità che ci prendiamo e che si prendono soprattutto staff tecnico, direttivo, direttore sportivo e presidente è grandissima. Per questo siamo rigidissimi con noi stessi e con le nostre atlete, al punto che spesso il clima in palestra diventa parecchio pesante, molto di più e molto più spesso che per un esercizio riuscito male. Non dimentichiamo mai che stiamo giocando una partita importantissima, quella della nostra sopravvivenza, e solo con lo sforzo massimo di ognuno di noi possiamo vincerla.
Ma perché allora, pur con tutte queste difficoltà e preoccupazioni, facciamo tutto questo?
Per un motivo semplicissimo.
Siamo convinti che lo sport non sia un’attività superflua, un di più, un hobby. Lo sport, quello sano, di cui noi senza falsa modestia ci consideriamo promotori, è veicolo di Cultura, di valori, in particolar modo di tutti quei valori che proprio in questo periodo sono continuamente evocati: il rispetto delle regole, lo spirito di sacrificio, la condivisione, l’inclusione, la capacità di essere squadra. Tralasciando i benefici effetti dell’attività fisica e tralasciando anche il fatto che è stato dimostrato che almeno in Italia il contagio è percentualmente molto meno probabile nei centri sportivi con un protocollo rigoroso che in molti altri luoghi ancora aperti, fare sport in questo momento storico, nei rigorosi limiti dettati dalle norme e dai protocolli sanitari, è la maggior espressione possibile di tutte le risorse che bisogna mettere in campo per affrontare la pandemia.
Ecco perché fare sport non è il problema, ecco perché noi come operatori sportivi, se abbiamo le risorse umane, economiche e strutturali per farlo, possiamo essere parte della soluzione, anzi, dobbiamo essere parte della soluzione. Perché non dobbiamo mai dimenticare che promuovere lo sport significa promuovere l’attitudine alla resilienza, una parola di cui va di moda riempirsi la bocca, ma di cui solo in questi mesi comprendiamo il significato in tutta la sua potenza.
Ci siamo dati regole rigidissime quando l’emergenza pareva scongiurata, le abbiamo inasprite quando ci è stato detto di farlo e siamo stati ancora più rigidi e prudenti quando abbiamo capito che era necessario. Per tutti questi motivi, riteniamo che sia proprio adesso il momento di dimostrare che abbiamo fiducia in quello che abbiamo fatto sinora per mettere in sicurezza la nostra attività, e di essere ancora più attenti e scrupolosi. Lo abbiamo fatto perché abbiamo passione, perché crediamo nel valore sociale della nostra missione, e perché siamo convinti che provare a superare le difficoltà a testa alta sia la miglior testimonianza che possiamo dare in questo momento.
Dobbiamo ringraziare il Comune e la Provincia, e poi Preside, gruppo docenti e Consiglio d’Istituto del Duca degli Abruzzi, per la sensibilità che ci hanno sempre dimostrato e che dimostrano tutt’ora. Un ringraziamento enorme va a tutte le persone che si stanno spendendo in questo momento, le atlete, lo staff tecnico, i dirigenti e tutti i volontari che senza batter ciglio si sono adeguati a tutti i protocolli e a tutti gli innumerevoli cambi di planning da inizio stagione ad ora, così come non possiamo dimenticare tutti gli sponsor che hanno deciso di attraversare con noi questo mare in tempesta, e infine tutte le famiglie che sin dall’inizio ci hanno dimostrato il loro sostegno. Per noi sono un serbatoio di energia inesauribile per continuare a garantire un appiglio di normalità alle loro figlie.
Lo diciamo a noi stessi, lo diciamo a tutti gli operatori sportivi a cui ci sentiamo vicini in questo momento. E’ difficile, è estremamente complicato, ma finché le norme ce lo consentono, abbiamo il dovere di andare avanti, di non mollare, di dare un messaggio di speranza. Perché siamo uomini di sport, e gli uomini di sport non fanno un passo indietro senza prima aver combattuto, mai.
Dobbiamo mostrare con il nostro esempio che non vogliamo arrenderci, che abbiamo la possibilità di risolvere i problemi. Perché, come diceva il mahatma Gandhi, “la vita non è aspettare la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia.” Con il più sincero auspicio che queste parole possano essere di ispirazione a tutti in questo difficile momento.

CIAO SARA

Pubblicato il 31-10-2020

Olympia Volley partecipa con grande commozione al dolore per la prematura scomparsa di Sara Turetta, che dopo aver lottato per anni con coraggio e senza mai perdere il sorriso, alla fine purtroppo ha dovuto arrendersi alla malattia. Grande giocatrice che ha infiammato per anni i parquet delle serie nazionali e regionali, vestendo per alcune stagioni anche la maglia Olympia, e splendida mamma negli anni successivi, Sara rimarrà per sempre nei nostri cuori.

INIZIA LA STAGIONE DEL VOLLEY S3!

Pubblicato il 04-10-2020

Vuoi giocare a pallavolo? Olympia TI ASPETTA! Olympia Volley aspetta tutti i nati tra il 2008 e il 2014 ogni giovedì dalle 16,30 alle 18,00 presso la palestra DUCA DEGLI ABRUZZI. VIENI A CONOSCERCI ANCHE TU! Info: Direttore Sportivo 3493080099 Direttore Tecnico 3426904077.

AI NASTRI DI PARTENZA LA NUOVA STAGIONE 2020-2021

Pubblicato il 21-08-2020

Sta per partire la nuova stagione 2020-2021 per Olympia Volley, una stagione piena di incertezze legate all'emergenza sanitaria non ancora risolta, ma che la società e tutto il movimento pallavolistico si augurano possa iniziare e svolgersi nel modo più normale possibile. A dare fuoco alle polveri sarà la prima squadra, neopromossa in Serie C, che si radunerà lunedì 24 agosto alle ore 19,30 al Duca degli Abruzzi, con la classica riunione introduttiva prima della seduta vera e propria che avrà luogo dalle 20,30 alle 22,30. Mercoledì 26 toccherà invece all'Under 17, che si ritroverà sempre al Duca degli Abruzzi alle 18,30, mentre lunedì 7 settembre sarà la volta dell'Under 19, alle 18,30, e della Prima Divisione, alle 20,40, sempre al Duca degli Abruzzi. Più avanti, anche in relazione a quelle che saranno le indicazioni federali, ricomincerà anche l'attività del VolleyS3. La società augura a tutti i propri gruppi il miglior inizio possibile che sia di buon auspicio per una stagione ricca di soddisfazioni e che permetta di ritrovare la gioia e la serenità interrotte così bruscamente dall'esplosione della pandemia.

GIORDANO CARIANI ENTRA NELLO STAFF OLYMPIA

Pubblicato il 06-09-2020

Importante novità per lo staff tecnico Olympia Volley 2020-2021. A far compagnia a Davide Cavinato e a Adis Gianesello arriva all’Olympia Giordano Cariani, che andrà così a dar manforte nella gestione delle due squadre giovanili Under 17 e Under 19. Padovano, in possesso del cartellino di secondo grado, il nuovo coach Olympia ha accumulato una buona esperienza in varie società di Padova a livello provinciale, e ora cercherà di metterla al servizio di Olympia per far crescere la qualità del vivaio tuttoblù. “Ho accettato con entusiasmo la proposta del direttore tecnico con cui ci conosciamo ormai da qualche anno, non vedo l’ora di iniziare – queste le prime parole di coach Cariani – Credo sia un progetto molto interessante, se lavoreremo bene potremo toglierci delle belle soddisfazioni.” “L’ingresso di Giordano nello staff è un segnale della volontà di Olympia Volley di qualificare maggiormente la propria offerta formativa . commenta il direttore tecnico Cavinato – Credo ci siano i presupposti per fare un ottimo lavoro. Benvenuto a Giordano nella famiglia Olympia Volley.”

LA PAROLA AL DIRETTORE TECNICO

Pubblicato il 11-07-2020

La rosa e lo staff della prima squadra Olympia Volley sono ormai completamente definiti ed è tempo delle prime considerazioni. Olympiavolley.com ha chiesto al direttore tecnico Davide Cavinato di fare il punto della situazione: “Come l’anno scorso al termine della campagna acquisti, anche quest’anno siamo particolarmente soddisfatti. Abbiamo confermato la quasi totalità del roster che si è guadagnato sul campo la promozione in C, abbiamo aggiunto qualità ed esperienza in alcune posizioni e abbiamo riempito gli slot mancanti con innesti giovani ma già con esperienza della categoria. E’una squadra intrigante, perfettamente in linea con la filosofia con cui l’anno scorso è partito il nuovo corso della prima squadra Olympia Volley, giovane, talentuosa ma soprattutto affamata. E’una squadra costruita sin dall’inizio per avere un orizzonte che va al di là della singola stagione, e questo è il motivo per cui siamo orgogliosi di avere confermato uno zoccolo molto importante del roster, garanzia di continuità del progetto.” Un progetto che va di pari passo con la crescita della società: “Assolutamente, è un aspetto fondamentale e imprescindibile in un momento di così grande difficoltà per lo sport di base – continua il coach - La serie C arriva in un momento in cui riusciamo a schierare sei atlete cresciute nel nostro vivaio, cosa di cui andiamo assolutamente fieri, e, grazie all’arrivo alcuni elementi molto interessanti nella nostra Under 19, quest’anno la prima squadra getterà un ponte verso il settore giovanile come mai c’era stato negli anni precedenti. Questo ci fa guardare con grande fiducia e ottimismo al futuro.” Alla fine, cosa dobbiamo aspettarci dalla prossima stagione? “Innanzitutto, di rientrare il prima possibile in palestra e augurarci che sia una stagione normale – chiude il coach – La sfida della Serie C sarà molto complicata ma allo stesso stimolante, e tutti noi, atlete e staff, siamo curiosi di vederci all’opera. Dovremo essere bravi a viverla come un’opportunità per alzare il nostro livello di gioco, in virtù di quello che è il nostro obiettivo, e cioè giocare a pallavolo al massimo delle nostre possibilità. Dovremo avere rispetto per tutti, ma paura di nessuno, dobbiamo essere consapevoli che da neopromosse avremo inevitabilmente delle difficoltà, e dovremo avere la tenacia e la fiducia necessaria per superarle. E’ chiaro che il mantenimento della categoria già di per sè renderebbe molto positiva la prossima stagione, ma crediamo fortemente nel valore e nelle potenzialità di questa rosa: sarà un bel banco di prova, ma, se avremo l’atteggiamento giusto, sono sicuro che ci divertiremo.”

SI CHIUDE IL ROSTER, ARRIVA JASMINE ZANETTI

Pubblicato il 10-07-2020

Si chiude in bellezza la prima squadra Olympia che nella stagione 2020-2021 affronterà il campionato di Serie C. A occupare l’ultimo slot di posto 4 del roster arriva Jasmine Zanetti, schiacciatrice di Spinea che andrà a fare compagnia alle confermatissime Fiorini, Turato, Greggio e Sausa. Classe ’99, una lunga trafila giovanile nell’inesauribile vivaio del Sinergy Volley, la giovane schiacciatrice spinetense vanta già una cospicua esperienza nelle categorie regionali, culminata con una promozione in B2 da protagonista, prima di lasciare improvvisamente il volley per… overbooking. “Venivo da anni vissuti a mille in cui la pallavolo riempiva in modo totalizzante la mia vita, ed ero arrivata al punto di dover staccare la spina – spiega la nuova schiacciatrice Olympia – La passione però è rimasta intatta, e così eccomi di nuovo qua, con tanto entusiasmo e molta consapevolezza in più. Sono molto felice di ricominciare, ho accolto con entusiasmo la proposta di Olympia Volley e ringrazio lo staff tecnico per aver pensato a me per questa avventura. Non vedo l’ora di iniziare, ce la metterò tutta per rimettermi in forma e per poter dare il mio contributo alla squadra.” “Chiudiamo il roster nel miglior modo possibile, con un altro elemento che corrisponde perfettamente all’identikit di un’atleta della prima squadra Olympia Volley: giovane, talentuosa e con voglia di arrivare - conclude coach Cavinato – Con lei completiamo in modo ideale una batteria di laterali importante, noi come staff saremo a sua disposizione per aiutarla a ritrovare la forma migliore, senza fretta e con i tempi giusti. Siamo felici di poter lavorare con un’atleta di questo livello.”

SILVIA MEZZALIRA, UN ALTRO GRADITO RITORNO

Pubblicato il 10-07-2020

Dopo tante conferme, un’altra new entry per la prima squadra Olympia Volley, anche se non è esattamente una novità. Dopo tre stagioni, torna ufficialmente a casa Silvia Mezzalira, libero classe ’98 che andrà a fare compagnia a Luna Belsanti nella prossima stagione. Canterana “doc”, dalle giovanili fino alla prima squadra, Silvia ha fatto esperienze in altre società, tra cui la promozione in D all’Arcella e la serie C a Grumolo delle Abbadesse, per poi aggregarsi per gli allenamenti alla serie D Olympia in questa stagione, a partire dal mese di dicembre. “Sono felice di essere tornata all’Olympia, questa è casa mia – commenta il nuovo libero tuttoblu – Ringrazio la società per avermi riabbracciata, conosco già le ragazze per essermi allenata con loro quest’anno, e sono molto contenta di far parte di un gruppo molto competitivo, che prima della sospensione dei campionati stava anche raccogliendo i frutti del proprio lavoro. Non vedo l’ora di ricominciare come tutte le mie compagne, sono entusiasta e mi sento molto stimolata da questa nuova avventura, non sarà facile ma ce la metterò tutta. La Serie C poi sarà sicuramente uno stimolo in più.” “Riabbracciamo un’altra atleta del nostro vivaio in prima squadra, e già questa di per sé è un’ottima notizia – le fa eco coach Cavinato – Acquistiamo un’altra giocatrice molto valida, che conosce già la nuova categoria, con spiccate attitudini difensive, che costituirà con Luna Belsanti una coppia di liberi di sicuro affidamento. A lei, come a tutte le altre, chiederemo di crescere a livello di atteggiamento, di essere protagonista in campo, e saremo felici di accompagnarla nella sua crescita.”

GAIA PERATONER, JOLLY PREZIOSO PER IL 2020-2021

Pubblicato il 10-07-2020

Un’altra canterana “doc” rimane a far parte della famiglia Olympia Volley. Gaia Peratoner, palleggiatrice classe ’94 nata e cresciuta pallavolisticamente all’Olympia, come nella passata sarà aggregata al gruppo della prima squadra in qualità di jolly, non potendo garantire per motivi lavorativi, la piena disponibilità ad entrare nel novero delle tredici che vanno a referto. “E’ un vero peccato che non possa fare di più perché a distanza di anni, pur non allenandosi con continuità nel suolo ruolo, il suo talento è assolutamente intatto – spiega coach Cavinato – Il suo è comunque un apporto preziosissimo, lo è stato nella passata stagione e siamo sicuri che lo sarà nella prossima, per cui siamo molto contenti che rimanga ancora con noi.” “Ho passato un bell’anno, nonostante non fossi sempre presente tutti mi hanno fatto sentire parte della squadra sin dall’inizio, e questo è sempre importante – queste le parole di Gaia – Sono felice di poter continuare a dare il mio contributo anche l’anno prossimo, spero innanzitutto di tornare in palestra il prima possibile e di aiutare le mie compagne a raggiungere i loro obiettivi.”

Avanti